LA SPIAGGIA DEI BAMBINI


Vista così sembra bella la spiaggia di Rosolina ma la foto l'ho presa dal sito perché in otto anni di frequentazione non sono mai riuscita a farne una decente.

In realtà a noi piace e molto, da casa ci vogliono 45 minuti di guida grintosa senza traffico (un'ora abbondante se guido io).
Eppure ogni volta che dico allegra che i miei miseri 15 giorni di ferie li ho passati tutti a Rosolina mare, mi sembra di suscitare espressioni di tenerezza per non dire pena, parola che non amo.

"Mmhh ma lì non c'è niente! Un centro, un negozio, la via dello shopping. Cosa fai la sera?"
"Leggo - rispondo - mentre i bambini giocano con altri bambini". Sempre gli stessi con qualche centimetro in più ogni anno. 
E così mi guadagno altri sguardi pietosi...

È proprio quel niente che adoro perché nulla mi distrae da quello che ogni estate vado cercando: il mare, a volte marrone e condito d'insalata o volte sorprendentemente bello; le spiagge enormi, sfiancanti passeggiate sotto il sole per arrivare all'acqua; il gelato del pomeriggio; i bagni (non sempre); la birretta delle 19.00 (e attenzione a non far tardi perché il chiosco chiude in 0,2 secondi netti); il caffè con la mia amica Silvana del Gattaccio, unico locale decente in tutta Rosolina (secondo me, per carità); la frittura di pesce; l'odore della pineta; i giri in bicicletta; l'appartamento Al Parco, che ogni anno vorrei affittare tutta la stagione ma poi costa troppo!

Poco importa se non c'è un super che sinceramente frequento a malincuore già in città, se ci sono troppe zanzare, se i bagnini invece di guardare l'orizzonte si ipnotizzano sui culi sodi delle ragazze bevendo spriz a mezzogiorno o se il chiosco chiude alle 19.00 in punto (che rabbia che mi fa, è il momento più bello).

Tutto sto pippone non l'ho fatto solo per presentarvi Rosolina (precisamente Piazzetta San Giorgio, verso Porto Caleri) ma anche per invitare tutti alla Festa dei bambini, il 25 luglio dalle 18.00 nel mio posto di mare preferito.


Nel programma ufficiale non trovate granché, non esageriamo con l'informatizzazione! L'intento è quello di ufficializzare quell'angolo di mondo come la Spiaggia dei bambini ma non bambini qualsiasi bensì creature che sanno annoiarsi, divertirsi tra loro, ritrovarsi, chiacchierare, giocare. Pensate che ne esistono ancora? Io credo di si!