venerdì 22 luglio 2016

IL MISTERO DEI BISONTI SCOMPARSI

"Il mistero dei bisonti scomparsi" di Massimo Carlotto(Gallucci) è il libro suggerito dalla maestra per le letture dell'estate. In realtà ce ne sono una decina di titoli, questo è il primo che abbiamo preso e devo dire che è stato un successo. La creatura di quasi 9 anni l'ha letto in due giorni. Orgogliosa posto la sua recensione:
È la storia di un bambino che vive in una tribù di indiani. Un giorno scompaiono i bisonti e il bambino parte alla ricerca di questi animali così importanti per il suo popolo. Il libro mi è piaciuto molto ma non voglio raccontare altro perché se no rovino la sorpresa.
L'autore è proprio quello dei noir polizieschi che tutti conoscono. Promosso anche in questa versione di scrittore per ragazzi!
Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 15 luglio 2016

DOVE VAI SIGNOR BO?

A volte arrivano delle segnalazioni non sempre interessanti ma questa mi è piaciuta.
"Dove vai signor bo?" (Bimbolunae) è uno dei libri tattili proposti dalla associazione culturale LeCarlotte. Ecco come si presentano...

"...sono libri interamente realizzati nel laboratorio dell'associazione con amore e attenzione a ogni dettaglio.
L' Associazione Culturale leCarlotte si occupa di aiutare i bimbi a sviluppare consapevolezza tattile, fantasia e potenziamento delle proprie capacità, attraverso l'uso di libri tattili e l'avvicinamento al mondo del tessile. Crediamo nella rivalutazione di ormai quasi sorpassate pratiche come quella di toccare una particolare stoffa con tutte le sue caratteristiche, in contrapposizione con la tendenza moderna verso il virtuale.
Studiamo e sperimentiamo tecniche per contribuire a creare nei bimbi quella stratificazione di emozioni che si possono assimilare solo ed esclusivamente attraverso l'esperienza diretta.
Inventiamo personaggi e storie per avvicinare i bambini fin da piccolissimi ai libri, li appassioniamo con le nostre storie,
li proiettiamo in un mondo fatto di poesia, colori e sensazioni."


Sembra carino no? Nel sito ce ne sono tanti altri!

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 8 luglio 2016

ROSE E L'AUTOMA DELL'OPERA

"Rose e l'automa dell'Opera pera" di Fred Bernard e Francois Roca (Logos) è uno di quei libri che incanta letteralmente prima con le immagini che sono poetiche e cosi reali da sembrare vere. E poi con le parole che raccontano diun'amicizia e di una scoperta e naturalmente della magia della danza. A parlare è l'automa in prima persona che dopo anni passati a pezzi in un baule dimenticato al teatro dell'Opera, finalmente una piccola ballerina lo trova. E sarà la sua rinascita. Una storia emozionante e delicata, un'opera d'arte a tutti gli effetti.

Questo post partecipa al VdL HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB del La Biblioteca di Filippo.

venerdì 24 giugno 2016

STORIA DI UNA GABBAINELLA E DEL GATTO CHE LE INSEGNO' A VOLARE

Ho letto "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" (Guanda) praticamente nel secolo scorso. Poi una bambina mi ha aiutato a ricordare che è un libro bellissimo. Triste ma bello! Così quando mi sono ritrovata a cercare qualche altra lettura per i miei nonni oramai avidi di storie, per fortuna mi è tornato in mente proprio lui: Luis Sepùlveda e la sua gabbianella. Perché guai a chi dice che questo è un libro per bambini. In realtà il dubbio è venuto anche a me. Mi sono ritrovata a leggere ad un gruppo di ultraottantenni (e oltre) di gabbiani che parlano e gatti che covano uova. Devo ammettere che all'inizio mi sono sentita un po' strana, insomma questi hanno fatto la guerra e io cosa gli sto propinando? Invece le storie scritte bene non deludono mai anzi fanno emozionare e divertire e questa non fa certo eccezione. Domani un altro capitolo ci aspetta...

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso del gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 10 giugno 2016

3000 MODI PER DIRE TI AMO

Quando esce un nuovo libro di Marie-Aude Murail prima o poi lo leggo, anche se il titolo non mi attirava per niente. "3000 modi per dire ti amo" (Giunti) potrebbe ricordare quei romanzetti rosa sdolcinati e banali. Poi mi rendo conto che un libro così non è scritto per una come me (questo maledetto egocentrismo!). La Murail scrive per ragazzi, questo è un racconto di adolescenti e probabilmente un titolo del genere attira parecchio. La storia invece è tutt'altro che banale, parla di un'amicizia che nasce tra tre ragazzi molto diversi tra loro, uniti dalla passione per il teatro. I rimandi al mondo del teatro francese sono innumerevoli. Mi chiedo però se non siano addirittura troppi. Perché se io, diciamo adulta, ho trovato la storia piacevole e profonda al punto giusto come verrà presa dai legittimi destinatari? Sarei curiosa di saperlo!

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma.

venerdì 3 giugno 2016

IL CAVALIERE PANCIATERRA

Da un po' di tempo al VdL non parlo di un albo illustrato. Dunque eccomi a presentare il vincitore del premio Andersen Il cavaliere Panciaterra di Gilles Bachelet (Il Castoro) che se lo merita tutto.
Non è la prima volta che le chiocciole sono chiamate a prestare la loro molle figura per diventare protagoniste di storie per bambini. Fa un po' strano però vederle nei panni di cavalieri medievali pronte alla guerra. La storia infatti racconta di Panciaterra, una chiocciola valorosa e temeraria prontissima a difendere i confini del suo feudo. Prima però deve sbrigare alcune faccende che le ritarderanno l'impresa. E poi ci sono sempre gli imprevisti! Insomma l'autore crea una lumaca dalle premesse originali che però ritrova facilmente i suoi tratti caratteristici. Il racconto è estremamente divertente ed ironico, si presta ad una lettura attenta e ripetuta che permetterà di scovare i dettagli raffinati e numerosissimi sia nel testo che nelle illustrazioni.

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 27 maggio 2016

BATTITO D'ALI

L'altro giorno ero a Venezia con uno scopo ben preciso, anzi due. Il primo era godermi un pomeriggio libero, da sola. L'altro era quello di visitare la libreria Ohana, un posto di quelli, che se ti piace il genere, vai fuori di testa. La trovo facilmente, due vetrine colorate in Fondamenta del Gaffaro. Fuori dalla porta, il classico "marciapiede" (fondamenta, appunto) costeggia il canale con le paline e qualche barchetta attraccata. Mi sale un'invidia fastidiosa. La caccio ed entro, il posto è ricco, accogliente. Le ragazze sono impegnate a preparare una presentazione: Battito d'ali di Daniela Rossi e Alessandro Coppola (L'orto della cultura). Di questo libro ne avevo già parlato qui ma poco, al tempo non l'avevo ancora tra le mani. E ora che invece ve lo voglio raccontare mi intimidisco di fronte alla presentazione che ne fanno gli stessi autori, sono impacciata nel leggere le parole che usano, parole giuste per un libro impegnativo e delicato.
Frasi come questa "Battito d'ali racconta la storia di ragazze e ragazzi che da soli cercano il coraggio, il modo, il tempo per aprire il cassetto dei segreti...è uno sguardo discreto su come siamo..." Insomma sento questo e non so più che dire. Andate a vedere il video di promozione perché il libro si è autofinanziato qui.
Mi rendo conto che una cosa così non si può chiamare recensione però io mica sono una professionista!!!

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.