venerdì 23 settembre 2016

SULLA COLLINA


L'estate è finita, oramai non c'è più alcun dubbio. Ecco il motivo per cui oggi si vuole parlare di un libro che qui da noi ha fatto estate. L'Officina saluta la bella stagione con Sulla collina di Linda Sarah e Benji Davies (Ed Giralangolo) un albo illustrato che profuma di fresco, di giochi all'aria aperta, di immaginazione, di amicizia. Due bambini Uto e Leo portano ogni giorno sulla collina due scatole di cartone che all'occorrenza diventano barche, navicelle spaziali, aeroplani e tutto quello che la fantasia suggerisce loro. L'equilibrio tra i due è perfetto fino a che non arriva Samu. Il nuovo bambino cerca la scatola giusta e il coraggio per avventurarsi anche lui sulla collina. Possono due amici far posto ad un terzo compagno sconosciuto? Le illustrazioni a doppia pagina rendono magnificamente l'idea di spensieratezza, allegria ma anche frustrazione e rabbia. Sentimenti che i bambini provano tutti i giorni e che questo bel libro sa raccontare con semplicità e naturalezza.

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 16 settembre 2016

LE OLIMPIADI DEGLI ANIMALI

Quest'anno a casa nostra è stata l'estate delle Olimpiadi. I bambini sono abbastanza grandi per seguirle e capire che, dopo tutti quei bei discorsi sull'importante è partecipare, insomma, anche vincere non è che faccia poi così schifo. Stesso posto e stesso batticuore per le Paralimpiadi. Anzi forse qualcosa in più, vista la tenacia di questi atleti e queste atlete che sembrano sbattersene delle loro magagne e sembrano volerti dire... caro mio guarda qua come sto messo e cosa riesco a fare!!! Anche se in realtà sono io che la leggo così, loro invece gareggiano e basta.
A farla breve oggi si parla del libro di James Stevenson "Le Olimpiadi degli animali" (Mondadori Junior) dove "gli animali della palude e del bosco hanno deciso di organizzare dei giochi olimpici tutti loro" adattando le diverse specialità sportive alle proprie esigenze. Un racconto divertente, ironico dove quello che conta non è partecipare e nemmeno vincere ma sbaffarsi il pic nic conclusivo.

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB del La Biblioteca di Filippo.

venerdì 9 settembre 2016

CANTALAMAPPA: VdL


Settembre. L'officina è tornata. Com'è possibile che ci sia sfuggito un libro talmente bello? Ci siamo resi conto di non averne mai parlato prima eppure l'abbiamo letto tanto tempo fa e ne abbiamo già parlato qui. Rimediamo all'errore tornando al VdL con Catalamappa (Electakids).

Gianni Rodari diceva “C'è una storia in ogni cosa” ma in questo caso sarebbe più opportuno dire che c'è una storia in ogni luogo. Perché di questo si parla nel libro “Cantalamappa” del collettivo Wu Ming che per la prima volta si cimenta a scrivere per un pubblico di ragazzi, anche se il libro (gli autori ci tengono a precisarlo) è rivolto a tutti, dagli 8 ai 108 anni.
Cantalamappa” non un semplice romanzo, è un romanzo, certo ma è anche un atlante bizzarro, una raccolta di racconti, un libro che ne contiene un altro. Guido e Adele Cantalamappa hanno girato il mondo, ogni viaggio è una storia e per non scordare nulla hanno sempre annotato tutto nel loro gigantesco Librone dei Viaggi.
Il librone dei Viaggi hanno cominciato a scriverlo venticinquanta o diciasettanta anni fa...ti piacerebbe darci un'occhiata?”
Io, visto che c'ero, una sbirciatina ce l'ho voluta dare e non ho più smesso finché non sono arrivata alla parola fine. Il libro raccoglie 15 racconti (magistralmente illustrati da Paolo Domeniconi) che non sono solo storie di viaggio ma anche di resistenza, di ideali, di sogni e di speranze per un futuro migliore.
Della visione del modo dei Wu Ming si può essere più o meno d'accordo ma nell'arte del raccontare sono dei veri maestri.
Dunque forza, cosa aspettate? Zaino in spalla e si parte. Che la destinazione sia il Deserto del Gobi o il Monte Rubello, l'Islanda o il Kenya, Rapa Nui o l'isola di plastica non ha alcuna importanza, ci sarà sempre una storia che vale la pena di essere raccontata, una cartolina da spedire anche solo a se stessi. Perché vuoi mettere tornare a casa e trovare nella cassetta delle lettere una cartolina con i saluti scritti da te? O magari qualche appunto di viaggio, qualche storia che non volevi dimenticare.
...è come viaggiare di nuovo.” Assicurano Guido e Adele. Sei pronto?

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 22 luglio 2016

IL MISTERO DEI BISONTI SCOMPARSI

"Il mistero dei bisonti scomparsi" di Massimo Carlotto(Gallucci) è il libro suggerito dalla maestra per le letture dell'estate. In realtà ce ne sono una decina di titoli, questo è il primo che abbiamo preso e devo dire che è stato un successo. La creatura di quasi 9 anni l'ha letto in due giorni. Orgogliosa posto la sua recensione:
È la storia di un bambino che vive in una tribù di indiani. Un giorno scompaiono i bisonti e il bambino parte alla ricerca di questi animali così importanti per il suo popolo. Il libro mi è piaciuto molto ma non voglio raccontare altro perché se no rovino la sorpresa.
L'autore è proprio quello dei noir polizieschi che tutti conoscono. Promosso anche in questa versione di scrittore per ragazzi!
Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 15 luglio 2016

DOVE VAI SIGNOR BO?

A volte arrivano delle segnalazioni non sempre interessanti ma questa mi è piaciuta.
"Dove vai signor bo?" (Bimbolunae) è uno dei libri tattili proposti dalla associazione culturale LeCarlotte. Ecco come si presentano...

"...sono libri interamente realizzati nel laboratorio dell'associazione con amore e attenzione a ogni dettaglio.
L' Associazione Culturale leCarlotte si occupa di aiutare i bimbi a sviluppare consapevolezza tattile, fantasia e potenziamento delle proprie capacità, attraverso l'uso di libri tattili e l'avvicinamento al mondo del tessile. Crediamo nella rivalutazione di ormai quasi sorpassate pratiche come quella di toccare una particolare stoffa con tutte le sue caratteristiche, in contrapposizione con la tendenza moderna verso il virtuale.
Studiamo e sperimentiamo tecniche per contribuire a creare nei bimbi quella stratificazione di emozioni che si possono assimilare solo ed esclusivamente attraverso l'esperienza diretta.
Inventiamo personaggi e storie per avvicinare i bambini fin da piccolissimi ai libri, li appassioniamo con le nostre storie,
li proiettiamo in un mondo fatto di poesia, colori e sensazioni."


Sembra carino no? Nel sito ce ne sono tanti altri!

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.

venerdì 8 luglio 2016

ROSE E L'AUTOMA DELL'OPERA

"Rose e l'automa dell'Opera pera" di Fred Bernard e Francois Roca (Logos) è uno di quei libri che incanta letteralmente prima con le immagini che sono poetiche e cosi reali da sembrare vere. E poi con le parole che raccontano diun'amicizia e di una scoperta e naturalmente della magia della danza. A parlare è l'automa in prima persona che dopo anni passati a pezzi in un baule dimenticato al teatro dell'Opera, finalmente una piccola ballerina lo trova. E sarà la sua rinascita. Una storia emozionante e delicata, un'opera d'arte a tutti gli effetti.

Questo post partecipa al VdL HomeMadeMamma ed è condiviso nel gruppo FB del La Biblioteca di Filippo.

venerdì 24 giugno 2016

STORIA DI UNA GABBAINELLA E DEL GATTO CHE LE INSEGNO' A VOLARE

Ho letto "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" (Guanda) praticamente nel secolo scorso. Poi una bambina mi ha aiutato a ricordare che è un libro bellissimo. Triste ma bello! Così quando mi sono ritrovata a cercare qualche altra lettura per i miei nonni oramai avidi di storie, per fortuna mi è tornato in mente proprio lui: Luis Sepùlveda e la sua gabbianella. Perché guai a chi dice che questo è un libro per bambini. In realtà il dubbio è venuto anche a me. Mi sono ritrovata a leggere ad un gruppo di ultraottantenni (e oltre) di gabbiani che parlano e gatti che covano uova. Devo ammettere che all'inizio mi sono sentita un po' strana, insomma questi hanno fatto la guerra e io cosa gli sto propinando? Invece le storie scritte bene non deludono mai anzi fanno emozionare e divertire e questa non fa certo eccezione. Domani un altro capitolo ci aspetta...

Questo post partecipa al VdL di HomeMadeMamma ed è condiviso del gruppo FB de La Biblioteca di Filippo.